SocialNewsToday

Il bambino soprannominato “Pinocchio” è stato operato al naso. Ecco il risultato 3 anni dopo

Alla 20esima settimana di gravidanza, Amy Poole ricevette una notizia piuttosto scioccante. Dalla gravidanza si evinceva che il bambino aveva una malformazione al naso.

Nato a febbraio 2014 nell’University Hospital of Wales, il figlio aveva una grave malformazione al naso. “Quando lo vidi e lo strinsi per la prima volta tra le braccia, ero così scioccata che riuscivo appena a parlare” ha raccontato al Daily Mail.

 

Il bambino, chiamato Ollie, era nato con una patologia chiamata “enfalocele”. A causa di una fessura, il cervello  era fuoriuscito nel naso. Una patologia molto rara che ogni anno affligge solo un bambino su 10.000.

Ma nonostante la malattia, Amy ama suo figlio. Quando è nato, sapeva che gli altri bambini lo avrebbero preso in giro, non sarebbe stato facile nè per lei nè per Ollie.

Per fortuna, Ollie riceve un sacco di messaggi di sostegno da parte dei medici e di molti sconosciuti. La maggior parte delle persone lo vede come un bambino normale, solo con un naso piú grande. La sorella maggiore, Annabelle, è persino un po’ gelosa del fratello.

Amy ha dichiarato: “lui ed Annabelle sono migliori amici. Giocano ancora insieme. Annabelle è persino un po’ gelosa per tutte le attenzioni che il fratello riceve.”

Da allora, Ollie si è sottoposto a diverse operazioni chirurgiche. All’inizio la madre era molto riluttante, non sapeva se farlo operare, ma secondo i medici era necessario altrimenti avrebbe contratto malattie e infezioni. Le operazioni sono andate bene, grazie a un team medico molto competente.

“Per me Ollie è perfetto. È il mio piccolo Pinocchio e sono molto orgogliosa di lui” ha detto Amy. Il suo atteggiamento è molto coraggioso, anche se spesso il figlio è costretto a subire gli sguardi e i commenti spregevoli della gente. Un passante le ha persino detto che se il bambino fosse nato morto sarebbe stato meglio.

Amy ha voluto scrivere un messaggio a tutti quelli che prendono in giro suo figlio: “Non vorrei mai che gli altri bambini subissero i commenti che Ollie deve sopportare ogni giorno. Il migliore modo di combatterli è educare le persone. Preferirei che mi chiedeste che cosa ha, anzichè sottolineare quanto sia brutto e prendervi gioco di lui”.

SocialNews

Add comment

Follow us

Don't be shy, get in touch. We love meeting interesting people and making new friends.

Most discussed

%d bloggers like this: